PDA

Visualizza la versione completa : Un Garibaldino non in elenco


flombardi
13-01-2010, 00.20.16
Saluti a tutti gli esperti risorgimentalisti, ho un piccolo quesito da porvi.
Mi hanno dato questa placca metallica commemorativa. Misura cm 20 x 15 ed è montata su una cornice in legno.
La scritta è inequivocabile:
La Giunta Municipale Milanese
a ROSEGHINI ANTONIO superstite dei Mille
Ad multos annos 13 maggio 1910
Il problema è che questo nominativo non risulta nell'elenco dei 1089 garibaldini riconosciuti nel censimento del 1878, elenco che è possibile trovare dovunque su internet, e le cui fotografie sono state ripubblicate alcuni anni fa.

Ora, escludo assolutamente che sia una patacca, sia per la bellezza e la finezza dell'oggetto, sia perchè proviene da una famiglia dove giace da non meno di 60 anni.
Mi chiedo: furono fatti aggiornamenti successivi all'elenco, e magari furono riconosciute altre partecipazioni, magari su domanda degli interessati?
Qualcuno ha una dritta da darmi, visto che anche una banale ricerca del nome su google non offre nulla?

Grazie

Elmar Lang
13-01-2010, 07.41.13
Salve,

interessante quesito, ma di soluzione piuttosto difficile.

Per ora, potrei solo fare un'ipotesi, ovvero che il nostro Roseghini sia stato uno dei garibaldini che sbarcarono a Talamone.

Ad essi, fu successivamente riconosciuto il diritto alla c.d. "Medaglia dei Mille" anche se non risultano negli elenchi dei Mille veri e propri, che sbarcarono a Marsala.

Conosco, a Venezia, gli eredi di uno dei "Talamonesi" i quali conservano gelosamente il diploma della nota medaglia concessa dal Municipio di Palermo, assieme alla stessa (di 2° Tipo). Il documento, ricordo che presenta i vari timbri delle Commissioni di controllo che ebbero il difficile compito di "autenticare" chi fu un garibaldino vero e proprio. Il decorato comunque, benché titolato, non risulta negli elenchi che, ripeto, si limitano solamente a coloro che sbarcati in Sicilia, parteciparono alla campagna Marsala - Calatafimi - Palermo.

Un cimelio sicuramente interessante!

A presto,

Elmar Lang