PDA

Visualizza la versione completa : Rolling Block svedesi


Oscar
14-07-2007, 16.52.18
Prima di entrare nello specifico dei Rolling block scandinavi vorrei fare un richiamo sulla storia e sulla meccanica di questi fucili. Il Remington Rolling Block ( fucile premiato fra l’altro all’esposizione mondiale di Parigi )era un fucile nato a retrocarica, semplice, robusto, praticamente indistruttibile, che usava una cartuccia metallica di discreta potenza.
Il funzionamento delle armi Remington ( che rappresentavano all’epoca lo stato dell’arte delle carabine monocolpo a retrocarica ) è basato su due elementi rotanti.
Il primo funge da otturatore e chiude la camera di scoppio quando è in posizione avanzata esponendo la sua parte posteriore, forata ed attraversata da una percussore flottante grazie ad una molla avvolta attorno ad esso, alla percussione del secondo elemento rotante, il cane vero e proprio.
Una volta esplosa la cartuccia si arma il cane e si arretra l’elemento otturatore. Nella sua posizione di completo arretramento questo va a bloccare il cane impedendone lo sgancio accidentale. Se la chiusura dell’elemento otturatore non è completa questo continua a contrastare con il cane. Al momento dello sparo l’apertura dell’otturatore e’ impossibile, perché l’eventuale arretramento e’ impedito dal contrasto con l’elemento cilindrico del cane che si e’ abbattuto. Contemporaneamente alla rotazione all’indietro l’otturatore attiva l’estrattore, che scorre incassato nel lato sinistro della camera di scoppio.
Il movimento dell’elemento otturatore e’ rallentato e stabilizzato
dall’attrito dello stesso con una leva, caricata da una molla.
I pezzi costituenti la meccanica sono relativamente pochi: oltre ai due citati elementi rotanti troviamo la molla del cane, il grilletto con la sua molla, la leva dell’otturatore, la sua molla e per finire il percussore con la molla che ne contrasta il movimento in avanti.
Il maneggio di queste armi è semplice ed intuitivo: si arretra il cane, si
ruota all’indietro l’otturatore che attiva l’estrattore con conseguente estrazione del bossolo, si introduce la nuova cartuccia, si chiude l’otturatore e l’arma è pronta al fuoco.
Ideatore può essere considerato Leonard Geiger, dipendente della Reington che brevetto nel 1863 un fucile a colpo singolo ad otturatore
rotante che doveva funzionare con cartucce metalliche. Il disegno fu migliorato da Joseph Rider nel 1864 e successive migliorie portarono al disegno definitivo così come lo conosciamo, nel 1865.
Dall’epoca della sua presentazione si guadagnò la fama di estrema robustezza e ne furono costruiti più di un milione mezzo. venne adottato da moltissimi eserciti(Spagna, Egitto, Turchia, Svezia, Danimarca, Norvegia ed appunto Svezia solo per citarne alcuni) e, anche quando lo sviluppo delle armi a ripetizione ne limitò l’uso militare continuò ad essere un successo commerciale.All'epoca della guerra fra Danimarca e Prussia la Svezia assistette con sgomento alla decimazione delle truppe danesi da parte dei prussiani armati dei fucili ad ago ed a retrocarica Dreyse. Si iniziò a sentire l’impellente necessità di riarmare con armi moderne l’esercito svedese
La Svezia decise pertanto l’adozione di questo fucile ed acquistò 10.000
fucili insieme a 20.000 “azioni” oltre ai macchinari per la costruzione
in loco delle armi.
L’arma adottata era dota di percussione anulare ed usava un bossolo in rame lungo 42 mm che conteneva una pallottola calibro 12,17. La distribuzione alle truppe iniziò nel 1867 e le successive modifiche diedero origine alle varie versioni:
Mod. 1867/68
Mod. 1867/74
ed infine il Modello 1867/89 con il cambio di calibro che passò dal 12,17 all’8 x 58 RD (questo particolare calibro al momento dell’adozione della Svezia era in uso a Danimarca e Norvegia che stavano sperimentano il Krag).
A questi modelli vanno aggiunti anche le versioni ottenute convertendo modelli antecedenti all’entrata in servizio del R.B. e nel 1870 le carabine da cavalleria (con sul fianco destro l’anello per la rangona ed un calciatura Stutzen) e da artiglieria ( quest’ultima denominata mod 64/68/85 a testimoniare come fosse ottenuta da parti derivanti da modelli precedenti, a detta dell’autore di “Crown Jewels”)
Scusandoli per avervi annoiato passo a proporre qualche immagine

Foto di famiglia con il Lungo RB costruito nel 1874 dalla Husquarna ed il corto da artiglieria

Oscar
14-07-2007, 16.53.15
Primo piano delle culatte

Oscar
14-07-2007, 16.55.30
Vediamoli singolarmente. Lato dx del lungo

Oscar
14-07-2007, 16.56.32
Lato sinistro

Oscar
14-07-2007, 16.57.49
L'alzo

Oscar
14-07-2007, 16.59.50
Marchi e punzonatura attestante l'allineamento della canna

Oscar
14-07-2007, 17.01.40
IL calciolo

Oscar
14-07-2007, 17.03.07
Cane armato ed otturatore aperto: sin ota l'avvenuta conversione alla percussione centrale

Oscar
14-07-2007, 17.04.26
L'anno e l'indicazione della fabbrica

Oscar
14-07-2007, 17.05.53
la stessa data riportata sul calcio e

Oscar
14-07-2007, 17.06.31
sull'astina

Oscar
14-07-2007, 17.07.42
l'attacco della baionetta

Oscar
14-07-2007, 17.08.44
ed il vivo di volata

Oscar
14-07-2007, 17.10.02
Passiamo ad esaminare il "corto"; lato dx

Oscar
14-07-2007, 17.10.44
lato sx

Oscar
14-07-2007, 17.11.51
primo piano dell'azione dal lato dx e..

Oscar
14-07-2007, 17.12.48
..sinistro

Oscar
14-07-2007, 17.15.02
Primo piano del cane armato ed otturatore aperto; anche qui si nota l'avvenuta conversione alla percussione centrale

Oscar
14-07-2007, 17.15.58
Marchi sulla canna

Oscar
14-07-2007, 17.16.58
L'alzo

Oscar
14-07-2007, 17.18.06
la fascetta di unione fra astina e canna

Oscar
14-07-2007, 17.19.03
il discetto con le indicazioni del reparto

Oscar
14-07-2007, 17.20.37
ed infine il vivo di volata

Bydand
14-07-2007, 17.54.25
Aggiungo alla gamma l'ultimo nato della covata svedese: il Gevär 1867/89, conversione in calibro 8 x 58 RD (calibro come già detto adottato dalla Danimarca per il fucile Krag-Jørgensen m/1889 a ripetizione) ...

Bydand
14-07-2007, 17.57.43
Lato destro: la canna riporta la data di conversione, mentre la meccanica riporta la data di costruzione originale ...

Bydand
14-07-2007, 18.00.33
Lato sinistro:

Bydand
14-07-2007, 18.05.36
Nel ripensare l'arma nel nuovo calibro, gli svedesi aggiunsero alla meccanica un dispositivo avvisatore di colpo in camera: il fondello del bossolo, quando presente in camera, spinge indietro il percussore che si innesta su un risalto visibile esternamente al soldato che impugna l'arma:

Bydand
14-07-2007, 18.08.08
otturatore aperto:

Bydand
14-07-2007, 18.11.27
Marchi sulla canna ...

Bydand
14-07-2007, 18.15.10
L'alzo: da notare la tacca di mira esterna a destra per l'utilizzo del mirino per il tiro comandato sulle lunghe distanze presente sul lato della fascetta, un sistema molto simile a quello adottato sui Mannlicher 1888/90:

Bydand
14-07-2007, 18.17.43
Vista di lato ...

Bydand
14-07-2007, 18.19.56
Il già citato mirino sul lato destro della fascetta ...

Bydand
14-07-2007, 18.23.04
Il disco con l'indicazione del reparto di appartenenza:

Bydand
14-07-2007, 18.26.35
Infine, la particolare configurazione della volata. L'arma è dotata di baionetta a calza, con un inusuale sistema di sgancio a pulsante ...

Andrea Marighetti
14-07-2007, 18.51.58
Non è il mio settore ma mi permetto di farvi i miei complimenti per le armi che postate,siete dei gran intenditori e da come vi muovete si denota che siete anche dei veri collezionisti,in questo campo la vostra presenza contribuisce ogni giorno ad un archivio di importanza elevata per gli appassionati che si stanno avvicinando a questo settore ed anche per chi ne fa parte da tanto tempo,finito con i miei sinceri complimenti volevo farvi una domanda,ho notato che il fucile ha l'attacco per la baionetta ed invece il corto ne è privo,potete darmi questa spiegazione?grazie in anticipo ed avanti così!

Bydand
14-07-2007, 19.24.38
Grazie dei complimenti Witzig ...
Nei "corti" di fine '800 la baionetta è più un eccezione che una regola.
Si tratta infatti di armi destinate alle armi a cavallo, che quindi avevano a disposizione come arma da taglio la sciabola o la lancia.
In Italia siamo sempre stati abituati a vedere armi destinate alla cavalleria o all'artiglieria ippotrainata dotate di baionetta, ma in molti paesi europei non era così: la versione da cavalleria del Kommission Gewehr tedesco ad esempio ne è priva, come ne sono prive le varie carabine da cavalleria Lee-Enfield inglesi, ma la lista si potrebbe allungare di molto. Anche in sudamerica (grande utente di armi mitteleuropee) tradizionalmente le versioni cavalleria sono prive di baionetta.

Nel caso specifico, sarebbe da appurare se la carabina svedese postata da Oscar fosse destinata all'artiglieria a cavallo ...

Oscar
14-07-2007, 20.20.54
Quoto tutto quanto deto da Bydand ed aggiungo che quella da me postata è la carabina da da artiglieria.
La versione da cavalleria nota come M.70 era caratterizzata da: attacco della rangona sul fianco sinistro dell'azione, calciatura lunga fino alla bocca (tipo stutzen), non aveva magliette per la cinghia e l'alzo era graduato da 200 fino a 900 metri.(da Crown Jewels di Dana Jones).
Purtroppo questo modello non ce l'ho:banghead1::banghead1::banghead1:

P.S. Witzig, grazie, ma così ci fai arrossire:venera1:

Andrea Marighetti
14-07-2007, 21.44.04
L'importante è che arrossiate per orgoglio,rinnovo i miei complimenti e grazie per la spiegazione,alla prossima discussione allora!:tu1:

dario
14-07-2007, 22.01.45
...........meglio del viagra......:swg1::venera1::venera1:

Redimacchia
15-07-2007, 14.38.08
A bhe allora adesso mi sembra doveroso intervenire:smile2: Dei vari modelli già citati da Oscar e Bydand esiste un'altra variente di Rollng-Block Svedese il:

1860-64-68 års gevär

Si tratta del Fucile 1860/64 a retrocarica ( tipo Hagström) convertito con il sistrema Rolling-Block presso la Stockholms gevärsverkstad e la Carlsborgs Tygstation. Questo fucile si riconosce dai precedenti per avere il copricalciolo in ottone, atacco baionetta presente sul lato sinistro e canna da 840mm. Dati relativi alkal produzione reale non ve ne sono ma dato che le armi tipo Hagström dovrebebro essere state 16.000 e tra il 1886 e il 1887 9605 fucili M 1860-64-68 furono trasformati nelle Carabine M/1885, vista nelle foto di Oscar. Quindi alal fine dei conti dovrebbe trattarsi del modello di Rolling Block più raro della stroria militare Svedese:laughing1:

Redimacchia
15-07-2007, 14.42.26
la meccanica dal lato destro

Redimacchia
15-07-2007, 14.43.58
lato sinistro

Redimacchia
15-07-2007, 14.46.13
Copri calciolo in ottone

Redimacchia
15-07-2007, 14.48.02
Gli organi di mira visti dall'alto.

Redimacchia
15-07-2007, 14.50.22
la volta vista dal lato sinistro ove è ben visibile l'attacco per la baionetta a calza tipica di tale arma.

Redimacchia
15-07-2007, 14.53.03
In coclusione una cartuccia originale calibro 12,17x42R Svedese.

Bydand
15-07-2007, 17.11.48
Quindi alla fine dei conti dovrebbe trattarsi del modello di Rolling Block più raro della stroria militare Svedese:laughing1:

Io devo ancora capire se li cerchi col lanternino o se si tratta di un abnorme caso di ccensurao ...

p3zi
15-07-2007, 17.32.18
Beh...bellissimi oggetti.
Mi permetto di fare anche i complimenti a Bydand per le sempre ottime foto...per nulla semplici da farsi alle armi.
Bravo.:tu1:

Redimacchia
15-07-2007, 20.02.14
Io devo ancora capire se li cerchi col lanternino o se si tratta di un abnorme caso di ccensurao ...


Caro Bydand ti racconto come lo trovai. Un anno fa o poco più mi aggiravo presso una nota armeria Milanese dopo che mi ero informato dell'arrivo di un lotto di Rolling-Block svedesi. Purtroppoo per fortuna riuscii ad andarli a vedere solamente 2 settimane dopo il loro arrivo e, come naturale, ne erano rimasti solo due: un Husqvarna M1867 a cui mancava l'alzo ed il disco regimentale e questo quì:laughing1: Pensa che durante il viaggio ho pensato: ma lo sai che fortuna sarebbe trovare un Mod. 1860-64-68. Detto fatto. A casa l'ho leggermente messo a posto non troppo, anche perchè nelle parti nascoste presenta ancora la sua tartarugatura originale, ed ecco il risultato:swg1: Si lo so sono un fetente:laughing1:

saluti

PS

Ho trovato un GARAND BREDA completamente Breda dopo questa mi vuoi picchiare a sangue? :laughing1:

Bydand
15-07-2007, 20.06.19
@p3zi ... ti ringrazio ... non è merito mio, che peraltro sono un fotografo mediocre, ma bensì dei soggetti, che sono fotogenici ! :swg1:

@redimacchia ... non ho mai avuto intenti violenti nei tuoi confronti :biggrin1: ... solo mi chiedevo a quale divinità bisogna votarsi per trovare certi pezzi !!!

Max
15-07-2007, 20.22.45
Perdonate la mia intrusione da totale incompetente in materia, ci tenevo a quotare in toto le osservazioni di witzig, complimenti ragazzi!!!!

Bydand, non fare il modesto, le foto sono splendide!!!!! :venera1:

tolgo il disturbo.................

Max

Redimacchia
15-07-2007, 21.12.29
@redimacchia ... non ho mai avuto intenti violenti nei tuoi confronti :biggrin1: ... solo mi chiedevo a quale divinità bisogna votarsi per trovare certi pezzi !!!

Alla dea FORTUNA:laughing1:

Bydand
16-07-2007, 16.00.32
Grazie dei complimenti, ragazzi, sono molto graditi, specie da un professionista della fotografia come p3zi ! :venera1:

... e dire che lascio fare tutto alla macchina (una misera Olympus da 3,5 megapixel), limitandomi a regolare la luminosità (quindi i diaframmi, suppongo :huh2:) ...

p3zi
16-07-2007, 21.30.23
Ottima definizione, illuminazione bella uniforme e assenza delle classiche sparate sulle superfici metalliche chiare, assenza di dominanti strane...non ultimo belle inquadrature.
Beh....farà anche tutto la macchina.....ma le tue foto così curate trasmettono chiaramente a tutti noi il tuo amore per i tuoi splendidi pezzi.
Spesso la tecnica non è tutto!:tu1::tu1: